Comune di PadriaComune di Padria

Salta la barra di navigazione e vai ai contenuti

Vai al menu del sito



Sezioni del sito:

Vai su


Contenuti

Informativa IUC anno 2018

logo

 

9 maggio 2018

              

La Legge di Stabilità per l’anno 2014, Legge n. 147 del 23 dicembre 2013, ha previsto l’introduzione della nuova imposta unica comunale (IUC). La stessa, in realtà, è composta da tre distinte forme di tassazione:

- IMU, l’imposta su immobili e terreni, che esclude la prima casa non di lusso, nonché altre tipologie di fabbricati (fabbricati costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendita, fabbricati rurali ad uso strumentale, unità immobiliari di proprietà delle cooperative edilizie a proprietà indivisa adibite ad abitazione principale dai soci assegnatari, l’unico immobile posseduto dal personale delle Forze armate, di polizia ecc.), a carico del proprietario dell’immobile.

- TARI, la tassa relativa al servizio rifiuti (che sostituisce la Tares), a carico dell’occupante o del detentore dell’immobile.

- TASI, la nuova tassa sui servizi indivisibili che riguarda tutti gli immobili, esclusi i terreni agricoli.

 

Con la legge di Stabilità 2016 sono state introdotte le seguenti novità in materia di IMU e TASI a decorrere dal 01/01/2016:

- dall'anno d'imposta 2016 sono escluse dalla TASI le unità immobiliari destinate ad abitazione principale del possessore nonché dell'utilizzatore e del suo nucleo familiare, escluse quelle appartenenti alle categorie catastali A/1, A/8 e A/9. Nel caso di immobile in locazione non è più dovuta la TASI dagli occupanti/inquilini se l'unità immobiliare è da loro destinata ad abitazione principale. Per il proprietario dell'immobile locato ed utilizzato come abitazione principale nulla è cambiato: verserà la TASI nella misura del 90% dell'imposta dovuta e l'IMU nella misura intera.

- la base imponibile è ridotta del 50% “per le unità immobiliari, fatta eccezione per quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9, concesse in comodato dal soggetto passivo ai parenti in linea retta entro il primo grado che le utilizzano come abitazione principale, a condizione che il contratto sia registrato e che il comodante possieda un solo immobile in Italia e risieda anagraficamente nonché dimori abitualmente nello stesso comune in cui è situato l’immobile concesso in comodato; il beneficio si applica anche nel caso in cui il comodante oltre all’immobile concesso in comodato possieda nello stesso comune un altro immobile adibito a propria abitazione principale, ad eccezione delle unità abitative classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9; ai fini dell’applicazione delle disposizioni della presente lettera, il soggetto passivo attesta il possesso dei suddetti requisiti nel modello di dichiarazione di cui all’articolo 9, comma 6, del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23;

Con la legge di Bilancio 2017 non sono state introdotte novità in materia IMU-TASI. L’art. 1, c. 42, L. 232/2016 ha infatti solamente confermato la sospensione dell’efficacia delle deliberazioni comunali di incremento dei tributi anche per l’anno d’imposta in corso. 

Anche per il 2018:

  • viene sospesa l’efficacia delle leggi regionali e delle deliberazioni degli enti locali nella parte in cui prevedono aumenti dei tributi e delle addizionali attribuiti alle regioni e agli enti locali con legge dello Stato rispetto ai livelli di aliquote o tariffe applicabili per il 2015. La sospensione non si applica: ai Comuni istituiti a seguito di fusione e a quelli in predissesto o dissesto finanziario; nelle Regioni in situazione di disavanzo sanitario; in riferimento alla Tari e alle tariffe di natura patrimoniale
  • I Comuni possono confermare la stessa maggiorazione Tasi già prevista per il 2016 e il 2017.

 

CITTADINI ITALIANI RESIDENTI ALL'ESTERO

Per le abitazioni dei cittadini italiani residenti all'estero, non locate, l'art. 9-bis della Legge n. 80/2014 ha introdotto un nuovo regime agevolato a partire dal 2015, limitato ai "già pensionati". Infatti, dal 2015, e' considerata direttamente adibita ad abitazione principale una ed una sola unità immobiliare posseduta dai cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato e iscritti all'Anagrafe degli italiani residenti all'estero (AIRE), già pensionati nei rispettivi Paesi di residenza, a titolo di proprietà o di usufrutto in Italia, a condizione che non risulti locata o data in comodato d'uso.

Il Regolamento IUC prevede tale agevolazione anche per la TASI.

Sull'unità immobiliare dei cittadini italiani AIRE di cui sopra, le imposte comunali TARI e TASI sono applicate, per ciascun anno, in misura ridotta di due terzi - art. 9-bis D.L. n. 47 del 28/03/2014

 

QUALI SONO E COME APPLICARE LE ALIQUOTE DI IMU, TARI E TASI VIGENTI A PADRIA?
In fondo a questa pagina sono elencate tutte le aliquote previste per ogni tributo (Imu, Tari e Tasi) suddivise per  categoria catastale, aggiornate alla luce della normativa vigente.

Ogni contribuente, collegandosi al Portale Federalismo Fiscale, potrà prendere visione della delibera di approvazione delle aliquote in vigore per ogni singolo tributo, nonchè del Regolamento Comunale per l’applicazione dell’imposta unica comunale (IUC).

 L'importo minimo del versamento è di tre euro.

QUALE E’ LA SCADENZA DEI VERSAMENTI?

Per l’anno 2018 le scadenze per il versamento dei tributi sono le seguenti:

  

IMU

ACCONTO

16   giugno   2018

SALDO

16   dicembre   2018

TASI

ACCONTO

16   giugno   2018

SALDO

16   dicembre   2018

TARI

PRIMA   RATA

30   giugno   2018

SECONDA   RATA

30   settembre   2018

SALDO

30   novembre   2018

 

QUANTO E COME PAGARE?

Il Comune di Padria invierà inviti di pagamento per la sola componente TARI con allegati i modelli precompilati per il pagamento (MODELLO F24),.

Prima di effettuare i versamenti, ogni contribuente dovrà controllare attentamente la correttezza dei dati indicati negli avvisi trasmessi.

La mancata ricezione dell’invito di pagamento non esonera il contribuente dal versamento dei tributi che possono essere autonomamente determinati anche sulla base dei dati resi disponibili dal Comune.

Per l’IMU e la TASI il contribuente dovrà provvedere in autoliquidazione.


COME FARE PER RICHIEDERE INFORMAZIONI, RETTIFICHE E VARIAZIONI?

Per informazioni è possibile contattare l’ufficio tributi al numero 079807018


COME FARE PER OTTENERE AGEVOLAZIONI E RIDUZIONI?

Il riconoscimento di eventuali agevolazioni è subordinato alla presentazione di specifica istanza al Comune di Padria.

 

LE ALIQUOTE IMU - ANNO 2018

 

Fattispecie

Aliquota/detrazione

Abitazioni   principali cat. A1, A8,   A9 e relative pertinenze

4 per mille

Altre abitazioni cat   A1-A9

7,6 per mille

Altri fabbricati

7,6 per mille

Aree fabbricabili

7,6 per mille

Immobili cat. C/1 e   A/10

6,6 per mille

Immobili cat. C/03

5,6 per mille

Detrazione per   abitazione   principale cat. A1, A8,   A9 e relative pertinenze

€ 200,00

 

Si precisa che, per effetto dell’art. 1, comma 13, della Legge n. 208/2015 “Legge di stabilità 2016”, a decorrere dal 2016 i terreni agricoli situati nel Comune di Padria sono esenti;

I fabbricati rurali strumentali sono esenti Imu 2018: l’esenzione Imu è in vigore dal 2014, secondo quanto disposto dal comma 708 della Legge di Stabilità 2014.

 

 LE ALIQUOTE TASI - ANNO 2018

TIPOLOGIE DI IMMOBILI

ALIQUOTA

detrazioni

Fabbricati   rurali di cui all’art. 9 D.L 557/1993

zero

----------

Abitazione   principale (cat. A1, A2 e A8) e relative pertinenze

 

1 (uno) per mille

 

€ 200,00

 

Unità immobiliari cat. A/3, A/4 e A/5 non adibite ad abitazione   principale

 

0,9 (zero virgola nove) per mille

 

----------------

Negozi – cat. C/1

0,6 (zero virgola sei) per mille

-----------------

Laboratori artigianali – cat. C/3

0,5 (zero virgola cinque) per mille

---------------

Altre categorie

1 (uno) per mille

--------------------

 

 

Per espressa previsione del comma 669 dell’art. 1 della Legge 147/2013, i terreni agricoli sono esclusi dalla TASI

 

LE ALIQUOTE TARI PER LE UTENZE DOMESTICHE - ANNO 2018

 

Famiglie

QUOTA   FISSA

QUOTA     VARIABILE

 

Euro/m2

Euro/Utenza

Famiglie di 1   componente

0,76

               21,35   

Famiglie di 2   componenti

0,89

               49,82   

Famiglie di 3   componenti

1,01

               64,05   

Famiglie di 4   componenti

1,09

               78,29 

Famiglie di 5   componenti

1,12

             103,20   

Famiglie di 6 o più   componenti

1,11

             120,99   

  

 LE ALIQUOTE TARI PER LE UTENZE NON DOMESTICHE - ANNO 2018

 

 

 

QUOTA   FISSA

QUOTA     VARIABILE

 

Categoria

Euro/m2

Euro/m2

1

Musei, biblioteche,   scuole, associazioni, luoghi di culto

0,26

                 0,07   

2

Campeggi,   distributori carburanti, impianti sportivi

0,39

                 0,10   

3

Stabilimenti balneari

0,59

                 0,16   

4

Esposizioni,   autosaloni

0,30

                 0,08   

5

Alberghi con   ristorante

0,90

                 0,24   

6

Alberghi senza   ristorante

0,76

                 0,20   

7

Case di cura e   riposo

0,80

                 0,21   

8

Uffici, agenzie,   studi professionali

0,92

                 0,24   

9

Banche ed istituti   di credito

0,54

                 0,14   

10

Negozi   abbigliamento, calzature, libreria, cartoleria, ferramenta e   altri   beni durevoli

0,84

                 0,22   

11

Edicola, farmacia,   tabaccaio, plurilicenze

0,91

                 0,24   

12

Attività artigianali   tipo botteghe: falegname, idraulico, fabbro,  elettricista,   parrucchiere, estetista, lavasecco

0,70

                 0,18   

13

Carrozzeria,   autofficina, elettrauto

0,81

                 0,21   

14

Attività industriali   con capannoni di produzione

0,37

                 0,10   

15

Attività artigianali   di produzione beni specifici (es. tipografie,   pasticcerie e pizzerie   da asporto, copisterie, …).

0,60

                 0,16   

16

Ristoranti,   trattorie, osterie, pizzerie, pub, circoli con spaccio

4,96

                 1,31   

17

Bar, caffè,   pasticceria

3,92

                 1,03   

18

Supermercato, pane e   pasta, macelleria, salumi e formaggi, generi   alimentari

0,91

                 0,24   

19

Plurilicenze   alimentari e/o miste

1,92

                 0,50   

20

Ortofrutta,   pescherie, fiori e piante

0,45

                 0,12   

21

Discoteche, night   club

0,91

                 0,24   

 

 Il Responsabile del Servizio

Dott.ssa Mariangela Arca

 

Home | Mappa del sito | Contatti | Credits | ConsulMedia 2009 | @ Comune di Padria - Tutti i diritti riservati

Vai su